Oggigiorno l’Inbound Marketing è considerato la migliore metodologia di marketing in quanto non vende servizi o prodotti, ma soluzioni ai problemi dei clienti. Questo nuovo approccio al mercato, infatti, mette il focus sul cliente e non sui prodotti/servizi che si vogliono vendere e si pone come primo obiettivo dare agli acquirenti alternative valide e non pubblicità tradizionali, spesso fastidiose. Il risultato? L’Inbound Marketing riesce ad aumentare le vendite e il fatturato aziendale molto più del marketing tradizionale, fidelizza i clienti e migliora la reputazione aziendale. Come? Scoprilo insieme a noi!

L’Inbound Marketing: la nuova strada del business   

Nato nel 2006 dall’intuizione di Dharmesh Shah e Brian Halligan, fondatori della piattaforma Hubspot con la quale promuovere la propria azienda grazie a questo rivoluzionario approccio, l’Inbound Marketing è una strategia completamente nuova rispetto al marketing tradizionale perché pone la sua attenzione non più sui prodotti/servizi che si vogliono vendere, bensì sui bisogni e sulle necessità di chi compra. Sebbene questo cambio di prospettiva possa sembrare banale, è in realtà il fulcro dell’aumento delle vendite: se le pubblicità tradizionali sono infatti considerate fastidiose, interruttive e vengono ignorate, con l’Inbound Marketing è il cliente che cerca l’azienda, perché ha bisogno che essa, con i suoi prodotti/servizi, risponda alle sue necessità.

Inbound Marketing vs Marketing Tradizionale

Per capire meglio le differenze sostanziali tra Inbound Marketing e Outbound Marketing, ovvero il marketing tradizionale, abbiamo deciso di riorganizzare i punti salienti di queste due strategie di marketing in una tabella:

Le 4 fasi dell’Inbound Marketing

Dire che l’Inbound Marketing si focalizza sui clienti e non sui prodotti/servizi può essere un buon inizio per capire cosa lo rende la migliore strategia di marketing attualmente disponibile, ma è riduttivo. L’Inbound Marketing, infatti, è una metodologia molto complessa che oltre a tener conto dei bisogni della Buyer Persona, cioè dei potenziali clienti, analizza il loro Buyer’s Journey, cioè il processo di acquisto, e per ogni sua fase identifica azioni in grado di trasformare un semplice visitatore in un cliente affezionato.

L’intero metodo dell’Inbound Marketing, inoltre, divide il rapporto con ogni cliente in 4 fasi e per ognuna di esse utilizza strumenti utili a raggiungere un obiettivo ben preciso. Più precisamente:

  • Attrarre: quando un individuo non conosce la nostra azienda, la prima cosa che dobbiamo fare è presentarci, ma non attraverso pubblicità ripetitive in ogni dove, bensì facendoci trovare quando sta cercando un fornitore come noi. Via libera quindi ad articoli su Blog e Social Network in modo che quando uno “sconosciuto” cerca on line un prodotto/servizio simile al nostro possa trovarci e, grazie ai contenuti di qualità che proponiamo sulle nostre pagine, decidere di approfondire la nostra reciproca conoscenza.

  • Convertire: ora che il potenziale cliente ci ha “conosciuti” è ora di entrare in contatto. In questo momento quindi si possono sfruttare Landing Page, Call-to-action e Form per offrire dei piccoli assaggi della nostra competenza e della qualità dei nostri prodotti in cambio dei dati del cliente. Una piccola guida gratis da scaricare, un buono spesa, la spedizione gratuita sono solo alcuni dei modi con cui è possibile convincere i potenziali clienti a restare in contatto con noi e a incanalare il loro processo di acquisto verso la nostra azienda.

  • Chiudere: Una volta che i contatti hanno deciso di lasciarci i propri dati, è arrivato il momento di convincerli ad acquistare. Anche in questo caso però non bisogna agire con una forzatura mediatica, bensì con una serie di azioni che, sulla base degli interessi mostrati dalla Buyer Persona, consigliano i prodotti/servizi che meglio si adattano ai suoi bisogni. Grazie a CRM, invio di e-mail, analisi del comportamento sui siti web è infatti possibile identificare i loro interessi specifici, incanalare la loro attenzione su cosa realmente li interessa, e spingerli finalmente a “chiudere” un acquisto, diventando nostri clienti!

  • Deliziare: una volta acquisito un cliente, per l’Inbound Marketing non sei arrivato alla fine, tutt’altro. Ora serve iniziare a deliziare il cliente per mantenere alto il suo interesse, fidelizzarlo con contenuti sempre più interessanti, buoni acquisto, idee e suggerimenti su come sfruttare al meglio il prodotto acquistato,… e tutto quello che può confermare la sua scelta e farlo diventare un cliente affezionato.

Il segreto è nell’ottimizzazione

Oltre al lavorare sul rapporto con il cliente durante ogni fase del processo di acquisto, l’Inbound Marketing è una metodologia davvero straordinaria perché analizza di continuo i risultati raggiunti per aggiustare il tiro e migliorare di giorno in giorno le azioni da intraprendere. Se per il marketing tradizionale finita una campagna si tiravano le somme e si cercava di capire, più o meno, quanto la campagna aveva funzionato, con l’Inbound Marketing l’analisi e l’ottimizzazione di ogni azione fa parte del processo di costruzione di una campagna pubblicitaria efficace e, grazie ad analisi e monitoraggio su più livelli, permette di raggiungere risultati sorprendenti. Dall’analisi del mercato e della Buyer Persona, fino ai riscontri avuti dal sito web, dai contenuti, dai Social Network, quando si decide di intraprendere la strada dell’Inbound Marketing è possibile avere una panoramica di come il mercato risponde alle proprie azioni e muoversi di conseguenza per riuscire ad offrire idee e soluzioni sempre nuove, attuali e in linea con i bisogni dei potenziali acquirenti.

Perché scegliere l’Inbound Marketing?

L’Inbound Marketing è una scelta quasi obbligata per le aziende che vogliono aumentare il proprio fatturato, perché rispetto al marketing tradizionale permette di:

  • Individuare i potenziali clienti in modo accurato
  • Attrarre visitatori qualificati, cioè realmente interessati ai propri prodotti/servizi
  • Aumentare il numero di lead
  • Fidelizzare i clienti grazie ad azioni mirate
  • Raggiungere risultati concreti e tangibili
  • Arrivare ai propri obiettivi e segnare il successo della propria azienda!

Hai deciso di intraprendere una campagna di Inbound Marketing e non sai da dove iniziare?
Scarica il nostro eBook gratuito "Come creare una campagna di Inbound Marketing di successo"

Ebook come creare una campagna di inbound marketing di successo

Trova nuovi clienti all’estero con metodo, competenza e disciplina
image description