Aumentare le vendite online con una strategia killer per e-commerce

Scritto da Yourbiz Staff in Tips&Tricks

image Aumentare le vendite online con una strategia killer per e-commerce
Hai provato diversi metodi per aumentare le vendite online del tuo sito e-commerce, ma con scarsi risultati? Forse quello che ti manca è una strategia strutturata: azioni diversificate hanno infatti senso quando armonizzate in una visione complessiva, finalizzata all’obiettivo vendita. In questo articolo scopriamo come elaborare una strategia killer per aumentare le vendite online.

La visione strategica è tutto: con una strategia si ha la sicurezza che interventi su molteplici fronti si muovano in coordinazione, ciascuno contribuendo al raggiungimento dell’obiettivo. Molto spesso, quando gli e-commerce ristagnano e i risultati scarseggiano la colpa è imputabile all’assenza o all’inadeguatezza di una strategia globale.

Per aumentare le vendite online, è essenziale delineare una strategia che non trascuri i presupporti fondamentali e definisca le azioni successive in coerenza con questi presupposti. Facile a dirsi: ma da dove si parte? In questo articolo ti indichiamo una rotta da seguire per creare una strategia a prova di bomba, incrementare le performance dell’e-commerce aziendale e aumentare le vendite online.

 

New Call-to-action

 

1. Definisci con chiarezza il tuo valore unico

Il presupposto veramente fondamentale, non solo per un e-commerce ma per qualunque attività digitale e di marketing, è definire con chiarezza la propria UVP (Unique Value Preposition): ciò che rende unica la tua azienda, quello che distingue veramente il tuo brand, i tuoi prodotti o servizi da quelli della concorrenza. Per trovare la propria unicità, è utile porsi domande come “perché il mio target dovrebbe comprare i miei prodotti invece di quelli dei concorrenti?”, “cosa ho da offrire in più e di diverso rispetto a ciò che propongono i miei competitor?”.

Il passo successivo è comunicare con chiarezza la propria UVP sul sito e-commerce: i colori, la grafica, le immagini e il copywriting dovrebbero essere progettati con grande cura per trasmettere emozionalmente il messaggio distintivo, il qualcosa in più che dovrebbe spingere all’acquisto. Se saprai fare questo con abilità, vedrai che le vendite online aumenteranno nel breve termine.

 

2. Definisci le politiche di prezzo con coerenza

A volte le vendite online non aumentano perché gli utenti dell’e-commerce si trovano in qualche modo spiazzati dai prezzi. In relazione ai competitor e alla qualità che hai da offrire, definisci dei prezzi ragionevoli. A questo punto lavora sull’immagine del tuo sito per renderla coerente con le politiche di prezzo: un e-commerce con prezzi elevati dovrebbe trasmettere un’immagine ricercata e raffinata, mentre un negozio online con prezzi più economici può puntare su un’identità visiva più amichevole e simpatica. Unico accorgimento valido in ogni situazione: la grafica deve essere sempre la più chiara e navigabile possibile, ma questo lo sai già ;)

 

3. Stima le entrate e gli investimenti in advertising

A questo punto puoi iniziare a considerare anche gli strumenti più diretti per aumentare le vendite online, come quelli pubblicitari e promozionali. Tuttavia, per avere la certezza di non spendere più di quanto potresti guadagnare, provvedi in via preliminare ad elaborare delle stime sul valore del carrello medio target.

A questo punto puoi considerare i canali di advertising che possano massimizzare il tuo ROAS (Return On Advertising Spend), sia in termini di coerenza con il tuo tipo di business, sia in termini di costo di utilizzo:

  • Google AdWords: un canale trasversale molto potente ma anche costoso, consigliato per quasi tutti i tipi di business, purché abbiano un carrello medio consistente o prodotti con LTV (Life Time Value) elevata.
  • Facebook: un buon canale per tutti le attività B2C e per alcuni specifici settori del B2B, i costi sono piuttosto abbordabili, adatti anche a carrelli medi meno corposi;
  • Instagram: perfetto per aziende operanti nel settore food, fashion e travel;
  • LinkedIn: un social adatto ai B2B molto tecnici del settore manifatturiero, i costi sono elevati quindi può essere approcciato in modo profittevole da business con carrello medio elevato.

 

4. Offri garanzie e rassicurazioni

Le attività e-commerce soffrono di alcuni ostacoli fisiologici che talvolta portano gli utenti a non procedere all’acquisto: la paura di comprare il prodotto sbagliato, di vedere i propri dati utilizzati in maniera fraudolenta, o quella di non avere garanzie affidabili. Rimuovi questi ostacoli per aumentare le vendite online. Alcuni semplici accorgimenti possono aiutarti considerevolmente, per esempio:

  • Un buon servizio di customer care per aiutare l’utente sia nella fase di acquisto (in questo caso, sono ottime le chat online), sia per eventuali domande o problemi a seguito dell’acquisto;
  • Rendi disponibile, chiaro e facilmente fruibile il diritto di recesso: se l’utente è consapevole che può restituire senza problemi eventuali acquisti sbagliati, avrà molta meno preoccupazione a comprare online;
  • Sicurezza delle transazioni: come abbiamo visto in un recente articolo del nostro blog, nessuno acquista senza sicurezza. Per gli acquisti online questo assunto è tanto più valido e importante poiché è noto che la fiducia per le transazioni digitali è piuttosto fragile. Rimuovi ogni dubbio adottando tutti gli accorgimenti che rafforzino la fiducia dell’utente, dall’https alle informative chiare sulla privacy, dalle certificazioni alla presenza di recensioni positive degli altri utenti.

 

 

5. Offri personalizzazioni

Un’altra carta che puoi giocare per aumentare le vendite online è quella della personalizzazione: avvicina il più possibile il tuo e-commerce alle necessità del singolo utente per massimizzare il suo interesse e quindi la sua propensione all’acquisto. Esistono appositi strumenti che permettono di registrare le abitudini di navigazione dell’utente e, alla visita successiva, proporgli i prodotti che ha visto e non acquistato, articoli simili o correlati; o viceversa, alla prima visita possono proporre uno sconto di benvenuto, stimolandolo a rompere il ghiaccio e passare all’acquisto. Tra i software più usati citiamo VWO, Adabra, Google Optimize.

 

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto come sia possibile aumentare le vendite online con una strategia chiara, coerente e sviluppata su basi solide. I passi essenziali da seguire comprendono:

  1. La definizione dei propri elementi di unicità (UVP)
  2. La definizione di politiche di prezzo coerenti
  3. La pianificazione di interventi di advertising sostenibili
  4. Azioni volte ad aumentare la fiducia nel sito
  5. Accorgimenti per aumentare la propensione all’acquisto

 

Se vuoi scendere nel dettaglio di tutti questi passaggi ed elaborare una strategia e-commerce professionale, ti invitiamo a scaricare l’e-book gratuito per scoprire come vendere di più online e raggiungere i KPI fissati a inizio anno dalla dirigenza. Buona lettura!

 

New Call-to-action

 

Iscriviti alla nostra newsletter per non perdere i prossimi articoli!

 

 

Lascia un commento

Vuoi restare aggiornato sulle novità che pubblichiamo?
X
Ti aiutiamo a trovare nuovi clienti (anche all'estero) con internet!
image description