Glossario della CRO – Conversion Rate Optimization

Scritto da Yourbiz Staff in Guide pratiche da scaricare

image Glossario della CRO – Conversion Rate Optimization
Ti senti perso nelle decine di termini che circondano il mondo dell’ottimizzazione degli e-commerce? In questo articolo, delineiamo un piccolo glossario delle principali espressioni utilizzate nella Conversion Rate Optimization (CRO).

Nell’articolo del blog di questa settimana, abbiamo finalmente l’occasione di chiarire alcuni termini che compaiono nel mondo dell’ottimizzazione per gli e-commerce.

Al solo sentire di alcune sigle ed espressioni dei nostri tecnici, infatti, i nostri clienti spesso (giustamente!) impallidiscono, ed è quindi necessario ricorrere ad un salvataggio chiaro e preciso, spiegando con parole semplici e masticabili i concetti che normalmente vengono utilizzati.

Ecco allora un glossario, completo ma non ovviamente esaustivo, delle principali parole e frasi che compongono la Conversion Rate Optimization, ovvero il lavoro che viene fatto sui negozi online per aumentare fatturato, vendite e carrello medio.

New Call-to-action

Partiamo!

A/B Test

È un esperimento che viene condotto sul sito web: ad un gruppo sperimentale di visitatori (di solito, la metà), viene proposta la variazione, mentre al gruppo originario di controllo viene mostrato il contenuto orginale. Si possono effettuare A/B test sulle pagine di destinazione, sui prezzi, sui bottoni di chiamata all’azione, sulle headline (i titoli che dovrebbero catturare l’attenzione), su elementi di sicurezza.

Above-the-fold

Tutto ciò che si trova nella pagina web “a vista d’occhio”, senza la necessità di scrollare con il mouse.

Below-the-fold

Tutto ciò che non si trova nella pagina web “a vista d’occhio”, e che necessità dunque di essere visualizzato attraverso uno scroll del mouse.

Call to action

La chiamata all’azione è un elemento visuale che invita il visitatore a compiere una determinata azione (per esempio, il download di una scheda prodotto, l’aggiunta al carrello…).

Carrello abbandonato

Quando un utente inserisce prodotti nel carrello, ma non completa l’acquisto, abbandonando la navigazione del sito web. In questo caso, l’utente ha “abbandonato il carrello”.

Chat virtuale

Un sistema che permette ai visitatori di scambiare messaggi in tempo reale con commessi del negozio online, pronti a soddisfare i loro bisogni e desideri.

CRO (o Conversion Rate Optimization)

La sigla sta per “Conversion Rate Optimization”, ovvero ottimizzazione del tasso di conversione. È tutto il lavoro che viene svolto per aumentare il numero di ordini e fatturato dell’e-commerce, a fronte dello stesso numero di visitatori. In pratica, grazie a tecniche più o meno sofisticate (aumento dell’autorevolezza del sito web, miglioramento della navigazione, diminuzione degli errori, aumento della sicurezza, miglioramento del servizio clienti, gestione dei prezzi, aumento della qualità dei visitatori, personalizzazione della visita), si cerca di far acquistare i più visitatori possibili.

Dashboard

È il cruscotto in cui vengono visualizzati i principali dati di business, che possono verificare l’efficacia o meno delle strategie di CRO.

E-mail one-to-one

A differenza di un sistema di invio massivo di e-mail tutte uguali, l’approccio one-to-one invia e-mail differenti a seconda delle caratteristiche dei riceventi. Per esempio, suggerisce prodotti a seconda della loro storia di navigazione o di acquisto.

Headline

Il titolo di un paragrafo o di una pagina web.

KPI (o Key Performance Indicator)

È un indicatore di performance, ovvero un numero che viene selezionato come obiettivo per misurare l’efficacia di determinate azioni di marketing. Un esempio di KPI è il tasso di conversione, che potrebbe raggiungere per esempio il 2% come obiettivo target.

Lead nurturing

Il processo di coltivazione di un utente non ancora maturo, che tramite un flusso progettato di e-mail marketing viene portato verso passi successivi della conversione, fino all’acquisto.

Mappa di calore

È una rappresentazione grafica dei punti più caldi dell’e-commerce, ovvero quelli maggiormente visitati e cliccati dall’utente. Grazie alle mappe di calore, è possibile individuare i punti di forza e di debolezza della pagina web.

Marketing Automation

Nel mondo della CRO, per marketing automation si intende quel processo che ad una determinata condizione (detta trigger, o leva) fa corrispondere una reazione precisa. Per esempio, un’automazione di marketing è quando ad un utente che abbandona il carrello viene proposta – dopo sei ore – una e-mail automatica con un particolare messaggio.

Marketing Data Analysis

È lo studio dei dati dell’e-commerce a partire da numerose fonti di acquisizione: per esempio, strumenti di web analytics (come Google Analytics), sondaggi online, banche dati, dati storici di vendite, dati dai social media.

MVT Test

È un esperimento multivariato (MVT, multivariate), ovvero che prende in considerazione più di un elemento all’interno della pagina web, sperimentando due o più variazioni in contemporanea. Per esempio, il colore e la forma di un bottone.

Personalizzazione

Quando il contenuto che viene visualizzato da un utente non è quello generico e standard, ma una comunicazione precisa in base alle sue caratteristiche, si attua una personalizzazione. Un esempio è quello dei prodotti raccomandati, in base alla navigazione o alla storia di acquisto del cliente.

Personas

Per persona o buyer persona si intende un modello di utente che viene creato a tavolino per immaginare l’efficacia della comunicazione dell’e-commerce. La persona dovrebbe essere creata a partire da sondaggi, focus group e dallo studio dei dati su strumenti di web analytics.

Tasso di conversione

Conosciuto anche con la sigla CR (da conversion rate), è il rapporto tra numero di visite che hanno portato a un ordine, e numero di visite totali. Per esempio, se due visite ogni cento producono un ordine sull’e-commerce, il tasso di conversione è del 2%.

UVP (o Unique Value Proposition)

Si tratta dellla proposizione unica di valore dell’e-commerce, quella che differenzia il negozio online dalla concorrenza e che contribuisce al posizionamento dello shop nella mente del consumatore. Il vero valore differenziante e di qualità, che dovrebbe essere comunicato in qualsiasi momento al potenziale cliente.

Web Analytics

È uno strumento che consente di visualizzare i dati di navigazione dell’utente sull’e-commerce. Esempi classici sono Google Analytics, Yandex Metrica e Shinystat.

 

Hai qualche dubbio ulteriore su alcune parole della Conversion Rate Optimization e sul marketing per gli e-commerce?

Non esitare a chiedere maggiori informazioni commentando qui sotto!

A presto!

New Call-to-action

Iscriviti alla nostra newsletter per non perdere i prossimi articoli.

Lascia un commento

Vuoi restare aggiornato sulle novità che pubblichiamo?
X
Ti aiutiamo a trovare nuovi clienti (anche all'estero) con internet!
image description